facebooktwitter

Lucignano

Con la sua caratteristica forma ellittica a strade anulari concentriche, il borgo fortificato di Lucignano costituisce uno dei più interessanti esempi di urbanistica medievale arrivato fino ai nostri giorni. L'importanza strategica ha segnato la storia di Lucignano che è stato spesso conteso tra le città confinanti per il dominio della Val di Chiana.

Il nome deriva probabilmente da console Lucio Licinio Lucullo, poi diventato "Lucinianum" probabilmente dopo la conquista da parte di Lucio Silla nel I sec. a.C. Inoltre importanti reperti archeologici di epoca villanoviana ed etrusca rinvenuti in varie località ci segnalano la presenza un forte popolamento della zona già in quell'epoca. Con il medioevo Lucignano subì continui passaggi di giurisdizione tra Siena, Arezzo Firenze e Perugia. Da quest'ultima città il borgo ha ereditato parte del proprio stemma, il Grifone Alato, al quale fu aggiunta una stella per indicare che il luogo si trova in collina. Intorno al 1200 inizia a prendere forma il tessuto urbanistico che ancora oggi rende cosi caratteristico il centro storico, a partire dall'impianto alto medioevale sorto intorno al nucleo fortificato originale. La sua struttura ad anelli concentrici intercalati da piccoli vicoli di collegamento è ancora oggi perfettamente conservata. Percorrere le sue strade ha il senso di un piacevole gioco attraverso un intricato labirinto che si risolve finalmente una volta arrivati nella zona alta del paese, comprendente il Palazzo Comunale, la Chiesa di S. Francesco, la Collegiata.

La felice collocazione geografica di Lucignano, in posizione dominante, a mt. 414 s.l.m., sulla Val di Chiana e sulla strada fra Siena ed Arezzo, l'ha reso strategicamente importante fin dall'antichità e ne ha segnato la storia come castello medievale fortemente conteso tra i territori confinanti.

Per tutte queste caratteristiche Lucignano è inserito in quella ristretta cerchia di paesi che si fregiano della Bandiera arancione, marchi di qualità assegnato dalla regione Toscana, in collaborazione con il Touring Club Italia, ai borghi di qualità.